Mastoplastica additiva

Tra gli interventi di chirurgia estetica più richiesti al mondo, la mastoplastica additiva permette di forgiare chirurgicamente il seno dei propri sogni. L’obiettivo primario di Image Regenerative Clinic è un risultato naturale, ottenibile grazie alle più moderne tecniche chirurgiche e all’utilizzo di protesi mammarie di ultima generazione.

I motivi che possono condurre a questa decisione sono molteplici: insoddisfazione della propria costituzione fisica, desiderio di trovare una nuova dimensione estetica, necessità di intervenire dopo una gravidanza, l’allattamento o un eccessivo dimagrimento che ha lasciato il seno svuotato, seppur non cadente. La mastoplastica additiva può donare al seno una seconda giovinezza, risolvere problemi di inserimento sociale o di autostima, regalando nuove frontiere alla propria sicurezza di sé.

Come scegliere le protesi

Coadiuvati dall’équipe medica del Professor Carlo Tremolada, i pazienti potranno studiare attentamente le varie opportunità per l’aumento del seno, arrivando a visualizzare in anticipo le proiezioni del risultato dell’intervento di mastoplastica additiva grazie a una dettagliata pianificazione che coniuga le esigenze del paziente alla migliore prospettiva di risultato.

Le protesi mammarie oggi sono di diverso tipo:

  • protesi anatomiche, a goccia;
  • protesi rotonde, con superficie esterna liscia o rugosa.

Il materiale delle protesi ricopre un ruolo fondamentale: il silicone, il più sicuro e naturale al tatto, è oggi disponibile anche in uno speciale gel coesivo, racchiuso in un involucro di silicone solido. Questo materiale garantisce il massimo della sicurezza anche in caso di rottura da trauma.

Durante la visita preoperatoria, il paziente concorderà con il medico forma, volume, altezza e proiezione del seno, per garantire al tempo stesso la realizzazione dei propri desideri e un risultato quanto più naturale e armonico.

Mastoplastica additiva con Lipogems®

Sempre più consolidato è l’utilizzo del protocollo Lipogems®: ideale se usato con la tecnica mista – protesi e tessuto adiposo addizionato Lipogems® – garantisce naturalezza, sicurezza e massima versatilità nella correzione della forma, soprattutto in casi difficili come, per esempio, seno tuberoso e forti asimmetrie.

Lipogems® aiuta a migliorare texture del seno, smagliature e tono. Specialmente nel trattamento di seni over 40 è consigliato l’abbinamento di mastoplastica e Lipogems®.

L’intervento di mastoplastica additiva

Ogni paziente ha una storia diversa e l’intervento viene studiato su misura e valutato dal chirurgo in ogni dettaglio, partendo dall’anamnesi clinica e sondando le sue aspettative fisiche e psicologiche.

Le protesi mammarie possono essere inserite:

  • sotto la ghiandola;
  • sotto la fascia muscolare;
  • sotto il muscolo pettorale;

Anche gli accessi possono essere di diverso tipo:

  • periareolare (accesso centrale dal perimetro dell’areola);
  • transareolare (accesso centrale dall’interno dell’areola);
  • sottomammario;
  • ascellare.

Una tecnica frequentemente utilizzata è la Dual Plane, che consiste nell’inserimento delle protesi facendo in modo che siano coperte sopra dal muscolo grande pettorale e sotto dalla ghiandola mammaria.

Il ricovero non supera normalmente le poche ore e il paziente può tornare a casa senza drenaggi e particolari procedure post-operatorie. È sempre consigliabile un breve periodo di riposo, variabile a seconda delle condizioni pregresse del paziente. L’attività sportiva può essere ripresa a distanza di alcune settimane (indicativamente tre).

Per quanto concerne la grande richiesta di interventi di revisione di mastoplastica eseguita precedentemente, gli ultimi ritrovamenti in questo campo permettono di sostituire protesi datate con una sintesi del proprio tessuto adiposo, trattato con il Lipogems® System.

I risultati della mastoplastica additiva

L’effetto estetico della mastoplastica additiva è visibile fin dal primo giorno. Ma è dopo circa tre settimane che si può apprezzare appieno il definitivo miglioramento del proprio aspetto. Indossare una fascia elastica di supporto aiuta a far assestare il nuovo seno rapidamente e a preservarne il posizionamento e la forma ideali.

Le suture sono studiate per ogni caso con un mix di fili riassorbibili e non. Le cicatrici dopo una mastoplastica additiva sono la più grossa variabile, perché non dipendono solo dalla perizia chirurgica ma anche dalla predisposizione genetica individuale, dall’elasticità della pelle, dall’età e da eventuali allergie ai punti di sutura. Anche in questo caso, la tecnica Lipogems® è di grande ausilio.

«Il posizionamento della protesi al di sotto del muscolo pettorale è molto importante per un risultato naturale a lungo termine. L’uso del lipofilling con cellule staminali è a mio parere consigliabile, oggi, solo per ritocchi o per migliorare una contrattura della capsula. Il seno cadente non si risolve con una protesi ma richiede prima un intervento di mastopessi.»

Prof. Carlo Tremolada

In sintesi

Per chi è indicata

Può sottoporsi a mastoplastica additiva chi sente di avere un seno piccolo, ridotto in volume o tonicità, oppure un seno asimmetrico.

Età

L’intervento può essere effettuato su persone maggiori di 18 anni di età.

Modalità

Anestesia locale con sedazione, anestesia generale (raramente).

Trattamenti post-operatori consigliati

Liposound (Cavitazione): 5 sedute di massaggio linfodrenante e connettivale.

Durata

Per sottoporsi all’intervento occorre preventivare dalle 4 alle 6 ore di permanenza in clinica. L’intervento dura tra i 30 e i 60 minuti.

Visite post-operatorie

Il giorno successivo e dopo una settimana dall’intervento.

Ritorno sociale

2 giorni.

Sedi

L’équipe Image guidata dal Prof. Carlo Tremolada esegue gli interventi di mastoplastica additiva a Milano.

Foto

È possibile visionare foto prima e dopo di mastoplastica additiva. Il materiale relativo a casi precedentemente trattati permette di valutare esempi di risultati a seconda delle diverse esigenze.

Costi

I costi della mastoplastica additiva dipendono da molte variabili e vengono preventivati su misura per ogni paziente. Visualizza la pagina prezzi o compila il modulo per richiedere informazioni.
La Clinica elabora preventivi personalizzati.

F.A.Q.

Cosa non si può fare dopo un intervento di mastoplastica additiva?

Nei primi giorni dopo la mastoplastica additiva vanno evitati gli sforzi fisici in generale. Dopo un paio di settimane è possibile riprendere una blanda attività fisica (cyclette e stepper/ellittica) tralasciando però gli esercizi che coinvolgono braccia e petto, che potranno essere ripresi ad assestamento completo. Anche tapis roulant o corsa sono sconsigliati per le sollecitazioni. In generale, vanno seguite le prescrizioni del medico.

Dopo una mastoplastica additiva è possibile avvertire dolore muscolare per almeno 4/5 giorni. Questo disagio è comunque evitabile con antidolorifici opportunamente prescritti. Di solito non ci sono lividi, solo un leggero gonfiore per circa una settimana.

Dopo questo intervento si suggerisce di indossare un reggiseno contenitivo senza ferretto, preferibilmente con allacciatura davanti.

Nella maggior parte dei casi, le asimmetrie sono momentanee e spariscono ad assestamento completo. In caso permangano, è comunque possibile reintervenire a guarigione terminata, senza disagio per la paziente.

Contattaci per maggiori informazioni o per prenotare un appuntamento

    Ho letto l'informativa sul trattamento dei dati personali e acconsento a questo sito di raccogliere e registrare i dati inviati tramite questa pagina al fine di rispondere e gestire la richiesta.